|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
unionearchitetti

Un disegno di legge contro l’abusivismo edilizio

In cima alla lista ci saranno quindi gli immobili di rilevante impatto ambientale o costruiti su area demaniale o in zona soggetta a vincolo

 


Un disegno di legge contro l’abusivismo edilizio

Il Senato sta esaminando il disegno di legge sull’abusivismo edilizio atto ad individuare il sistema di demolizioni degli edifici abusivi con la seguente graduatoria: abusivismo “di speculazione”, immobili “in costruzione”, “non stabilmente abitati”, abusivismo “di necessità”. I primi ad essere quindi elencati saranno gli immobili con grande impatto ambientale e/o costruiti su aree demaniali.

In cima alla lista ci saranno quindi gli immobili di rilevante impatto ambientale o costruiti su area demaniale o in zona soggetta a vincolo:

  • ambientale e paesaggistico;

  • sismico;

  • archeologico o storico-artistico.

Successivamente saranno censiti gli edifici che costituiscono un pericolo per la pubblica e privata incolumità e da ultimi quelli sottratti alla mafia.

La massima priorità sarà poi attribuita agli immobili in corso di costruzione o ancora non ultimati

In ognuna di queste categorie la priorità sarà attribuita agli immobili in corso di edificazione o ancora non terminati alla data della sentenza di condanna di primo grado e agli immobili non stabilmente abitati.

Il Ddl, quindi, distingue tra abusivismo di necessità e abusivismo di speculazione, stabilendo che gli immobili abusivi per speculazione avranno la priorità.

Al fine di reperire l’integrazioni di fondi necessari alle demolizione da parte dei Comuni sarà istituito un finanziamento rotativo di 45 milioni di euro presso il MIT.

E’ altresì prevista l’istituzione di una banca dati nazionale sull’abusivismo edilizio che sarà direttamente gestita dall’Agenzia per l’Italia digitale. Tutti i Comuni, a tal fine, dovranno trasmettere tutti i dati inerenti all’abusivismo edilizio. E’ prevista una sanzione di 1000 euro in caso di ritardo di trasmissione al funzionario dirigente inadempiente. E’ infine prevista una relazione annuale sullo stato dell’abusivismo dell’abusivismo edilizio e sulle demolizioni effettuate o sull’eventuale riqualificazione urbanistica.

 

Infine è previsto che ogni anno venga redatta una relazione non solo sullo stato dell’abusivismo edilizio e sulle demolizioni effettuate, ma anche sull’eventuale riqualificazione urbanistica degli immobili abusivi non demoliti.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!


UnioneArchitetti