|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
unionearchitetti

Consumo di Suolo: le posizioni di Aniem

Il Disegno di legge sul di legge sul contenimento consumo di suolo e riuso dell’edificato, è ora in Commissione Ambiente e Agricoltura del Senato

 


Consumo di Suolo: le posizioni di Aniem

Il Disegno di legge sul di legge sul contenimento consumo di suolo e riuso dell’edificato, è ora in Commissione Ambiente e Agricoltura del Senato, dopo aver ottenuto l’approvazione da parte dell’Assemblea della Camera lo scorso 12 Maggio.

A tal riguardo si ricorda che le posizioni di Aniem, da sempre ribadite in sede di presentazione del Documento Programmatico alle competenti sedi istituzionali, si fondano su una innovativa politica di riqualificazione urbana: no al consumo del suolo, sì alla demolizione e ricostruzione.

Una moderna e funzionale urbanistica deve abbandonare logiche meramente speculative e di consumo de territorio per dedicarsi alla riqualificazione delle aree urbane.

Se da una parte sono apprezzabili le modifiche alla previgente normativa edilizia, dallo Sblocca Italia in poi, volte al recupero del patrimonio edilizio senza ulteriore consumo di suolo, e attraverso lo sblocco del mercato immobiliare fortemente scosso dalla crisi abitativa degli affitti, in una logica di liberazione delle imprese di costruzioni dall’invenduto, dall’altra chiediamo uno slancio di coraggio ulteriore: in questo contesto la demolizione e sostituzione di aree degradate, o comunque obsolete e non coerenti, seguita da un’incisiva e doverosa riqualificazione urbanistica, ambientale ed energetica, non deve più costituire un tabù.

Vantaggi rispetto alla ordinaria riqualificazione edilizia: produce spesso come risultato finale edifici rinnovati nell’apparenza, ma non resi più sicuri né dal punto di vista strutturale ordinario, né tantomeno dal punto di vista dei requisiti antisismici ed energivori a livello impiantistico.

 

Abbiamo chiesto il sostegno di strategie di demolizione e ricostruzione con interventi adeguati di carattere giuridico–fiscale (stabilizzazione degli incentivi, perequazione urbanistica, procedure innovative per favorire trasferimenti di cubature).






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!


UnioneArchitetti