|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
unionearchitetti
  • News » Attualità

Firenze: Podere Colombaia in affitto fino a un massimo di 50 anni

Online l'avviso di gara a offerta libera per la concessione di valorizzazione del bene Podere colombaia

 


Firenze: Podere Colombaia in affitto fino a un massimo di 50 anni

L’Agenzia del Demanio ha pubblicato il bando di gara a offerta libera per la concessione, da un minimo di 6 anni ad un massimo di 50 anni, di Podere Colombaia a Firenze, in una delle zone collinari più esclusive della città, a circa un chilometro dal centro storico. La sua localizzazione strategica rende, infatti, l’area naturalmente vocata ad attività ricettive, privilegiando il contatto con l’ambiente naturale e il tessuto storico attraverso percorsi naturalistici, rurali e culturali. Podere Colombaia, risalente al secolo XVII, è inserito nell’area demaniale ”Villa del Poggio Imperiale”. All’interno della villa si trovano i quartieri privati di Pietro Leopoldo di Lorena, amante del gusto esotico settecentesco e la Galleria dei Ritratti di Principi e Principesse, visitabili attraverso un percorso museale di recente inaugurazione.

Il complesso immobiliare messo a bando, che si estende per una superficie complessiva di circa 1.500 mq, è costituito da cinque unità immobiliari: una casa colonica con annessi ampi terreni a vocazione agricola, un fienile, una rimessa e spazi precedentemente utilizzati come ristorante e appartamenti.

 

Le proposte progettuali, da presentare entro il 15 settembre 2017, dovranno tenere conto del valore storico del bene e del contesto territoriale in cui è inserito. I programmi di recupero e valorizzazione potranno dunque spaziare dalle forme più tradizionali di ospitalità alberghiera fino a strutture di tipo extra - alberghiero, caratterizzate, ad esempio, da un’offerta diversificata di attività ristorative, bar tematici e piccole botteghe. All’offerta ricettiva potranno essere associate attività e servizi culturali di varia natura, capaci di attrarre un target più sensibile alla fruizione dei beni culturali e che ponga le basi per la formazione di un sistema a rete di immobili pubblici di pregio. Infine, i soggetti interessati potranno effettuare un sopralluogo presso l’immobile entro il 12 maggio prossimo.  






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!


UnioneArchitetti