|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
unionearchitetti

Il 27 aprile a Roma la conferenza nazionale architettura

Crisi economica, esigenza di valorizzare la professione di architetto, anche nel suo ruolo di principale protagonista dei processi di rigenerazione urbana sostenibile …

 


Il 27 aprile a Roma la conferenza nazionale architettura

Fare il punto sul percorso di analisi, riflessioni e proposte per la revisione complessiva e organica del sistema italiano della formazione in architettura, al fine di renderlo più efficace, efficiente e competitivo sul piano nazionale e internazionale: è quanto si propone la Conferenza Nazionale Architettura in programma il prossimo 27 aprile a Roma (Centro Congressi Roma Eventi di Piazza di Spagna, dalle 9 alle 18). Un percorso di approfondimento avviato nei mesi scorsi dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori in collaborazione con il Gruppo Operativo Università della Conferenza Nazionale degli Ordini, e dalla Conferenza Universitaria Italiana di Architettura (CUIA).

Al centro della conferenza nazionale architettura, tra gli altri temi, quelli dell’accesso ai corsi di studio, della qualità della formazione professionale, della mobilità intermedia e del passaggio alla professione di architetto.

La crisi economica e i cambiamenti dei profili professionali, l’esigenza di valorizzare la professione di architetto, anche nel suo ruolo di principale protagonista dei processi di rigenerazione urbana sostenibile, le specificità della formazione e della ricerca nell’area del progetto, rendono ormai improcrastinabile, anche in considerazione del grande potenziale di competitività internazionale del sistema italiano di architettura, definire lo scenario di azione, i nuovi strumenti, le nuove regole ed i nuovi corsi di studio.

 

Serve, allora, valorizzare le risorse culturali e scientifiche e le specificità delle diverse scuole, delle possibili reti di cooperazione, dei progetti innovativi, anche nella proiezione internazionale, avendo bene a mente che l’obiettivo è quello di assicurare un futuro ai giovani che si avviano agli studi di architettura e alla professione di architetto e nella convinzione dell’importante ruolo che l’università italiana può ricoprire nel mondo per la sua storia e per le sue competenze.  






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!


UnioneArchitetti