|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
unionearchitetti
  • News » Attualità

Permesso edilizio, la sospensione del termine di durata non può essere automatica

 


Permesso edilizio, la sospensione del termine di durata non può essere automatica

La giurisprudenza amministrativa ha superato pregresse incertezze giurisprudenziali stabilendo che "il termine di durata del permesso edilizio non può mai intendersi automaticamente sospeso, essendo al contrario sempre necessaria, a tal fine, la presentazione di una formale istanza di proroga, cui deve comunque seguire un provvedimento da parte della stessa Amministrazione, che ha rilasciato il titolo ablativo, che accerti l'impossibilità del rispetto del termine, e solamente nei casi in cui possa ritenersi sopravvenuto un factum principis ovvero l'insorgenza di una causa di forza maggiore”.

Di ciò il Legislatore ha preso atto inserendo nel corpo dell’art.15 del d.P.R. n. 380/2001 un comma 2-bis, ratione temporis vigente, laddove si stabilisce che: “La proroga dei termini per l'inizio e l'ultimazione dei lavori e' comunque accordata qualora i lavori non possano essere iniziati o conclusi per iniziative dell'amministrazione o dell'autorita' giudiziaria rivelatesi poi infondate”.

 

Lo ricorda la quarta sezione del Consiglio di Stato nella sentenza n.3371/2017 pubblicata il 10 luglio. Palazzo Spada evidenzia che “la giurisprudenza nettamente prevalente di questo Consiglio di Stato, dalla quale il Collegio non ritiene di doversi discostare, sottolinea che, ai sensi dell'art. 15, comma 2, del D.P.R. n° 380 del 2001 ("Il termine per l'inizio dei lavori non può essere superiore ad un anno dal rilascio del titolo; quello di ultimazione, entro il quale l'opera deve essere completata, non può superare tre anni dall'inizio dei lavori.

Decorsi tali termini il permesso decade di diritto per la parte non eseguita, tranne che, anteriormente alla scadenza, venga richiesta una proroga [...]"), l'effetto decadenziale si riconnette al mero dato fattuale del mancato avvio dei lavori entro il termine annuale fissato dalla legge; in altri termini "la decadenza del permesso di costruire costituisce effetto automatico del trascorrere del tempo, che per l'inizio dei lavori non può essere superiore ad un anno dal rilascio del titolo abilitativo" (Cons. Stato, sez. IV, 11 aprile 2014, n. 1747); decadenza che opera di diritto, pertanto non è richiesta l'adozione di un provvedimento amministrativo espresso”.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!


UnioneArchitetti