domenica, giugno 16, 2019
0 Carrello

Presa d’atto del Piano di azione coesione. (Delibera n. 96/2012).

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012
Presa d’atto del Piano di azione coesione. (Delibera n. 96/2012). (12A12336)
(GU Serie Generale n.273 del 22-11-2012)

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11 luglio
2006, recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo
regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, che
abroga il regolamento (CE) n. 1260/1999 e visto in particolare l’art.
33 che prevede la revisione dei Programmi operativi cofinanziati dai
detti Fondi strutturali comunitari;
Visto il Quadro strategico nazionale Italia (QSN) 2007-2013,
adottato con la decisione della Commissione europea n. C(2007)3329
del 13 luglio 2007;
Visto in particolare il punto VI.2.1 del QSN che prevede
l’istituzione del «Comitato nazionale per il coordinamento e la
sorveglianza della politica regionale unitaria», per l’espletamento
delle funzioni di accompagnamento all’attuazione dello stesso QSN;
Vista la proposta di regolamento n. COM 2011 615 final/2 della
Commissione europea del 14 marzo 2012 recante disposizioni comuni sul
Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul
Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale
e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca compresi nel
quadro strategico comune, che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006
del Consiglio e che prevede, all’art. 13 e successivi, l’adozione, da
parte degli Stati membri di un documento nazionale
(Contratto/Accordo) di partenariato quale strumento di programmazione
dei suddetti fondi, stabilendone i relativi contenuti;
Visto l’art. 24, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 30
luglio 1999, n. 300, che definisce le funzioni di spettanza statale
in materia di «programmazione economica e finanziaria, coordinamento
e verifica degli interventi per lo sviluppo economico territoriale e
settoriale e delle politiche di coesione, anche avvalendosi delle
Camere di commercio, con particolare riferimento alle aree depresse,
esercitando a tal fine le funzioni attribuite dalla legge in materia
di strumenti di programmazione negoziata e di programmazione
dell’utilizzo dei fondi strutturali comunitari»;
Visto l’art. 7, comma 26, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, che
attribuisce al Presidente del Consiglio dei Ministri le funzioni di
cui all’art. 24, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 30
luglio 1999, n. 300, ivi inclusa la gestione del Fondo per le aree
sottoutilizzate, fatta eccezione per le funzioni di programmazione
economica e finanziaria non ricomprese nelle politiche di sviluppo e
coesione;
Visto il decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88, recante
disposizioni in materia di risorse aggiuntive e interventi speciali
per la rimozione di squilibri economici e sociali, in attuazione
dell’art. 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42;
Vista la legge 12 novembre 2011, n. 183 recante «Disposizioni per
la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge
di stabilita’ 2012)», in cui all’art. 23, comma 4, stabilisce che le
risorse provenienti da una riduzione del tasso di cofinanziamento
nazionale dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali 2007-2013,
da destinare alla realizzazione di interventi di sviluppo
socio-economico concordati tra le Autorita’ italiane e la Commissione
europea nell’ambito del processo di revisione dei predetti programmi,
confluiscono nel Fondo di rotazione di cui alla legge 16 aprile 1987,
n. 183;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13
dicembre 2011 che ha delegato al Ministro per la coesione
territoriale l’esercizio delle funzioni di cui all’art. 7, commi 26,
27 e 28, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con
modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, ivi comprese le
connesse iniziative di carattere amministrativo e normativo;
Visto l’art. 1, comma 3, del predetto decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 13 dicembre 2011 che, ai fini
dell’esercizio delle funzioni di cui all’art. 7, comma 26, del
decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, pone alle dipendenze funzionali
del Ministro per la coesione territoriale, il Dipartimento per lo
sviluppo e la coesione economica del Ministero dello sviluppo
economico;
Vista la delibera di questo Comitato 22 dicembre 2006, n. 174 (G.U.
n. 95/2007), con la quale e’ stato approvato il QSN 2007-2013;
Vista la delibera di questo Comitato n. 1/2011, recante «Obiettivi,
criteri e modalita’ di programmazione delle risorse per le aree
sottoutilizzate e selezione ed attuazione degli investimenti per i
periodi 2000-2006 e 2007-2013»;
Preso atto delle conclusioni del Vertice dei Paesi Euro del 26
ottobre 2011 che, con riferimento agli impegni assunti dall’Italia,
in pari data, con lettera del Presidente del Consiglio dei Ministri,
sostiene «l’intenzione dell’Italia di rivedere i programmi relativi
ai fondi strutturali ridefinendo le priorita’ dei progetti e
concentrando l’attenzione su istruzione, occupazione, agenda digitale
e ferrovie/reti allo scopo di migliorare le condizioni per un
rafforzamento della crescita e affrontare il divario regionale» e
invita altresi’ la Commissione a fornire una valutazione dettagliata
delle misure e a monitorarne l’attuazione e, le autorita’ italiane, a
fornire tempestivamente tutte le informazioni necessarie;
Tenuto conto degli inderogabili impegni assunti dal Governo
rispetto agli obiettivi fissati dalla citata delibera CIPE n. 1/2011
e concordati con la Commissione europea relativamente
all’accelerazione ed alla qualificazione strategica degli interventi
attuati nell’ambito della politica di coesione comunitaria e
nazionale;
Visto l’Accordo sottoscritto il 3 novembre 2011 fra Ministro per i
rapporti con le regioni e la coesione territoriale e i Presidenti
delle Regioni del Mezzogiorno, concernente «Il contributo delle
Regioni meridionali e della politica di coesione alla crescita
dell’Italia»;
Visto il documento «Piano di azione coesione: risultati attesi e
azioni da intraprendere» che, in attuazione di tali decisioni, e’
stato inviato il 15 novembre 2011 dal Ministro per i rapporti con le
regioni e per la coesione territoriale al Commissario europeo per la
politica regionale, che prevede, al paragrafo 3, per la sua
attuazione, la costituzione e attivazione di un apposito Gruppo di
azione;
Visto il successivo documento denominato Piano di azione coesione –
Aggiornamento n. 1, inviato il 7 febbraio 2012 dal Ministro per la
coesione territoriale al Commissario europeo per la politica
regionale;
Visto il documento «Iniziative di accelerazione e di miglioramento
dell’efficacia degli interventi» approvato in data 27 febbraio 2012
dal richiamato Comitato nazionale per il coordinamento e la
sorveglianza della politica regionale unitaria e visti in particolare
i punti 4 e 7 che dettano le condizioni attraverso cui le risorse di
cofinanziamento nazionale dei Programmi operativi cofinanziati
confluiscono al Piano di azione coesione, rispettivamente per mancato
raggiungimento dei target di annuali di spesa da certificare, ovvero
per adesione volontaria allo stesso;
Visto il documento Piano di azione coesione – Aggiornamento n. 2 –
presentato dal Ministro per la coesione territoriale al Consiglio dei
Ministeri nella riunione dell’11 maggio 2012 e inviato al Commissario
europeo per la politica regionale, che riorienta fra l’altro
l’attuale programmazione delle politiche di coesione al disegno del
prossimo settennio 2014-2020, con particolare riferimento al metodo
della programmazione tesa ai risultati, che trova inoltre il suo
fondamento anche nei principi guida della «spending review», quali il
riesame e la riallocazione della spesa pubblica e l’identificazione
dei risultati attesi dalla riprogrammazione;
Considerato che, con decreto del Ministro per la coesione
territoriale del 1° agosto 2012 in corso di perfezionamento, sono
individuati la composizione e i compiti del predetto Gruppo di azione
cui e’ demandata: l’identificazione degli interventi in attuazione
del Piano con definizione dei loro risultati espressi in termini di
indicatori e target; l’accertamento della sussistenza delle
pre-condizioni di efficacia; l’individuazione di responsabilita’,
modalita’ attuative e tempi di attuazione; l’analisi e il
monitoraggio dei progressi del percorso di attuazione;
Considerato che il Piano di azione coesione ha assunto, anche in
forza dell’evoluzione delineata con i successivi aggiornamenti, una
funzione strategica di orientamento e attuazione dell’insieme della
politica di coesione, progressivamente allargando la sua sfera di
influenza a un complesso di funzioni e strumenti di intervento della
politica di coesione comunitaria e nazionale e coinvolgendo nella sua
attuazione piu’ amministrazioni anche con funzioni di coordinamento
di fondi e di politiche;
Considerato che le risorse finanziarie destinate al Piano di azione
e coesione derivano dalla riprogrammazione di alcuni Programmi
operativi 2007/2013 cofinanziati dai fondi strutturali regionali e
nazionali e dalla riduzione del cofinanziamento a carico dello Stato
a valere sul Fondo di rotazione di cui alla citata legge n. 183/1987
e tenuto conto che la loro effettiva disponibilita’ e’ condizionata
all’approvazione delle suddette riprogrammazioni, da parte della
Commissione europea, ai sensi del richiamato art. 33 del regolamento
CE n. 1083/2006;
Considerato altresi’ che le predette risorse finanziarie possono
essere oggetto di integrazione sulla base dei successivi
aggiornamenti del Piano;
Considerato che, con la nota del Ministero dell’economia e delle
finanze – RGS – IGRUE n. 29497 del 6 aprile 2012 sono definite, ai
sensi del predetto art. 23, comma 4, della legge 183/2011, le
procedure attraverso cui le Amministrazioni, centrali e regionali,
nonche’ gli Organismi vigilati dalle Amministrazioni centrali dello
Stato, titolari degli interventi individuati nel predetto Piano,
possono utilizzare le risorse provenienti dalla riduzione del tasso
di cofinanziamento nazionale dei Programmi operativi 2007/2013;
Considerato che, con la nota n. 8196 del 18 giugno 2012 del
Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica – DGPRUC,
vengono fornite indicazioni in ordine al percorso di riprogrammazione
dei Programmi operativi 2007/2013 e all’adesione degli stessi al
Piano di azione e coesione;
Ritenuto opportuno che, per assicurare la conformita’ delle
condizioni di attuazione del Piano di azione e coesione alle regole
di utilizzo delle risorse comunitarie e nazionali, le Amministrazioni
sopra richiamate, nell’esercizio delle attribuzioni individuate,
adottino con propri atti e provvedimenti le modifiche e le
integrazione alle richiamate procedure dandone adeguata informativa a
questo Comitato;
Considerato che il Ministro per la coesione territoriale, a partire
dalle risultanze del negoziato istituzionale comunitario in corso e
dagli orientamenti nazionali assunti nel Piano di azione e coesione,
ha definito una proposta metodologica per l’avvio del percorso di
programmazione della politica di coesione per il settennio 2014/2020
nel documento «Quadro strategico comune 2014/2020: proposta di
percorso di programmazione» trasmesso alla Conferenza Stato – Regioni
per opportuna informativa;
Ritenuto, quindi, che il Piano di azione coesione anticipa nelle
finalita’, metodo, contenuti e regole, l’impostazione programmatoria
tracciata per il ciclo 2014/2020 e che il suo successivo
aggiornamento puo’ contribuire alla definizione della metodologia e
delle linee strategiche quale prima fase del percorso descritto nel
documento «Quadro strategico comune 2014/2020: proposta di percorso
di programmazione», tenendo conto della specificita’ dei fondi
interessati e proseguendo nell’approccio per risultati gia’
sperimentato nell’ambito del Piano di azione coesione;
Vista la proposta del Capo di Gabinetto, d’ordine del Ministro per
la coesione territoriale, n. 2000 del 1° agosto 2012 con la quale
viene tra l’altro sottoposto alla presa d’atto del CIPE il citato
Piano di azione coesione – Aggiornamento 2 (documento ed allegati);
Ritenuto di dover prendere atto del Piano di azione coesione –
Aggiornamento n. 2, invitando il Ministro per la coesione
territoriale a formulare una successiva relazione sullo stato di
attuazione del piano di interventi ivi descritti e dei relativi
cronoprogrammi;
Tenuto conto dell’esame della proposta svolto ai sensi del vigente
regolamento di questo Comitato (art. 3 della delibera 30 aprile 2012,
n. 62);
Vista la nota n. 3324-P del 2 agosto 2012, predisposta
congiuntamente dal Dipartimento per la programmazione e il
coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio
dei Ministri e dal Ministero dell’economia e delle finanze e posta a
base della presente seduta;
Su proposta del Ministro per la coesione territoriale;

Prende atto:

del Piano di azione coesione – Aggiornamento n. 2 (documento ed
allegati) acquisito agli atti della odierna seduta, che consente la
revisione e il riorientamento della programmazione comunitaria
2007/2013, con la definizione di misure di accelerazione e
qualificazione della spesa dei programmi comunitari avviata con la
richiamata delibera n. 1/2011, misure attuate successivamente secondo
il processo e le fasi richiamate in premessa, con l’introduzione di
modalita’ di cooperazione rafforzata con la Commissione europea anche
nell’ambito del citato Gruppo di azione;
dei risultati attesi dalla realizzazione del detto Piano e delle
azioni volte a conseguirli, secondo le responsabilita’ istituzionali
e attuative, le modalita’ ed i tempi ivi previsti;
delle risorse finanziarie individuate per l’attuazione del Piano
di azione coesione – Aggiornamento n. 2, condizionate
dall’approvazione della Commissione europea, ai sensi dell’art. 33
del Regolamento CE n. 1083/2006, nonche’ della loro allocazione nei
settori di riferimento come indicato nel Quadro finanziario del Piano
di azione coesione – Aggiornamento n. 2, capitolo 3 del medesimo
documento;
delle procedure individuate dal Ministero dell’economia e delle
finanze – RGS – IGRUE con la nota n. 29497 del 6 aprile 2012
concernenti, ai sensi dell’art. 23, comma 4, della legge n. 183/2011,
l’utilizzo delle risorse finanziarie allocate sul Piano di azione e
coesione e provenienti dalla riduzione del tasso di cofinanziamento
nazionale dei programmi dei fondi strutturali 2007/2013;
delle procedure individuate dal Dipartimento per lo sviluppo e la
coesione economica – DGPRUC – con la richiamata nota n. 8196 del 18
giugno 2012, concernente indicazioni per il percorso di
riprogrammazione dei Programmi operativi e per l’adesione degli
stessi al Piano di azione e coesione;
che il Ministro per la coesione territoriale, attraverso il
Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica (DPS) d’intesa
con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero
delle politiche agricole, il Ministero dell’economia e delle finanze,
assicurando il raccordo con tutte le Amministrazioni interessate,
trasmettera’ alla Conferenza Stato – Regioni, a questo Comitato e
rendera’ pubblico un documento di indirizzi strategici e metodologici
(impostazione, contenuti e regole) come proposta del Governo per
l’avvio del confronto istituzionale e con il partenariato per
l’impostazione e la definizione della programmazione 2014/2020 in
vista della sottoscrizione del Contratto/Accordo di partenariato con
la Commissione europea, che, tenendo conto della specificita’ dei
fondi interessati, prosegua nell’approccio per risultati gia’
introdotto con il Piano di azione coesione;

Stabilisce:

1. che il Ministro per la coesione territoriale presenti a questo
Comitato una relazione informativa periodica sull’avanzamento degli
interventi individuati nel Piano di azione coesione,
sull’utilizzazione delle risorse ivi allocate, sul rispetto dei
relativi cronoprogrammi e sulle eventuali modifiche ed integrazioni
necessarie per garantirne la piu’ efficace attuazione;
2. che le Amministrazioni responsabili dell’attuazione degli
interventi del Piano di azione e coesione non riconducibili alle
priorita’ declinate nei Programmi operativi 2007-2013, individuate
dal Piano stesso o con provvedimento del Ministro per la coesione
territoriale, adottino tempestivamente tutti gli atti occorrenti per
l’esecuzione del Piano relativamente all’azione ad esse affidata;
3. che ulteriori aggiornamenti del Piano di azione coesione che
comportino integrazioni e sviluppi del Piano stesso, comprese
modifiche del relativo quadro finanziario e variazioni delle regole
di attuazione definite dai provvedimenti in premessa al fine di
migliorarne l’efficacia, siano definiti e stabiliti con le stesse
modalita’ previste nella presente delibera e rese oggetto di
tempestiva informativa a questo Comitato;
4. che della presente delibera sia resa informativa alla
Conferenza Stato – Regioni.
Roma, 3 agosto 2012

Il Presidente: Monti

Il Segretario: Barca

Registrato alla Corte dei conti il 13 novembre 2012
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dell’economia e delle
finanze, registro n. 10, Economie e finanze, foglio n. 182