martedì, Giugno 18, 2024
0 Carrello
Attualità

Architettura Italiana, il primato spetta ad Alghero

La facoltà algherese risulta leader nel panorama dell’architettura italiana

1.77KVisite

La Grande Guida Università di Repubblica e il Censis hanno sancito (per il terzo anno consecutivo ndr ) la leadership della facoltà algherese nel panorama dell’architettura italiana.

Un risultato arrivato proprio nell’anno più nero per la facoltà della città catalana. Negli ultimi mesi infatti l’università di Alghero è stata al centro delle polemiche e della bufera per la mancata conferma dei finanziamenti regionali.

Una mancanza che secondo il preside della facoltà rischia di mettere seriamente in crisi un settore formativo d’eccellenza.

Un risultato che definire brillante appare per lo meno riduttivo vista la caratura delle concorrenti. Nel panorama dell’architettura italiana infatti Alghero ha superato con il punteggio di 107 realtà accademiche di tutto rispetto; realtà come Torino con il suo Politecnico fermatasi a 99,5 punti.

Un risulto, una leadership nel panorama dell’architettura italiana, che conferma Alghero e Sassari nell’olimpo delle Università Italiane d’elite. Un primo posto che risulta essere un legittimo motivo di orgoglio “nel momento in cui venne istituita la facoltà, sarebbe stato difficile pensare che un giorno sarebbe diventata la prima in Italia, e per tre anni di seguito” si afferma tra i corridoi della facoltà algherese.

Un risultato che non viene però tenuto in considerazione dalla politica regionale, o almeno cosi sembra. Ad Alghero infatti sono stati negati i fondi per la gestione dell’ordinaria amministrazione , creando una serie di gravi difficoltà. Un mancato finanziamento che come primo risultato ha portato a “mandare a casa” una cinquantina tra ricercatori , borsisti, collaboratori, arrivando perfino a condizionare il programma formativo.

 

Un atteggiamento che potremo forse definire miope da parte della Regione Sardegna, ma che carte alla mane sta rischiando di uccidere la prima facoltà nel panorama dell’architettura italiana, una facoltà che oggi rappresenta la Sardegna che vuole lavorare e affermarsi, e che invece si trova costretta ad elemosinare gli spiccioli per non morire. 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi