sabato, Aprile 4, 2020
0 Carrello
Professionisti

Bunshaft, Ban, Tengbom: i grandi architetti della storia scelti da Unione Architetti

I grandi architetti della storia scelti da Unione Architetti: tre nomi che con il loro lavoro hanno segnato il settore nei loro rispettivi paesi

Bunshaft, Ban, Tengbom: i grandi architetti della storia
212Visite

Ogni regione del mondo produce geni che con il passare degli anni riescono a rivoluzionare il proprio settore professionale. Spesso tra i professionisti più rivoluzionari troviamo proprio gli architetti che con il loro lavoro cambiano il nostro mondo un mattone alla volta.

Con questo in mente, qui, presentiamo altri tre architetti che in qualche modo hanno segnato la storia dell’architettura.

Gordon Bunshaft (1909–1990)

È discutibile se Gordon Bunshaft sia stato il principale responsabile dell’introduzione dell’architettura modernista a New York durante l’era del dopoguerra. Ma se anche non è stato il primo architetto modernista a New York è stato sicuramente uno dei principali sostenitori di quello che è stato conosciuto come lo stile internazionale, che ha adottato le innovazioni del design all’avanguardia dai primi del 20 ° secolo per gli edifici aziendali. Lavorando come partner per la ditta Skidmore, Owings & Merrill, Bunshaft ha applicato i principi dello stile internazionale a edifici iconici come Lever House a Park Avenue e East 53rd Street. Completato nel 1952, è considerato il primo vero esempio di stile internazionale a New York. Altre sue opere includono la Biblioteca Beinecke alla Yale University, il Museo Hirshhorn a Washington, D.C. e il Solow Building, che si distingue per il modo in cui la sua forma si estende dalla sua base sulla 57esima strada occidentale per formare una monumentale curva concava.

Shigeru Ban

L’architetto giapponese Shigeru Ban è noto per il suo uso inventivo di carta, cartone e legno e per aver attinto ai metodi di costruzione tradizionali Giapponesi come schermi shoji per finestre, porte e divisori. Impiegò un tubo di cartone per l’edilizia, ad esempio, per formare il tetto di una cattedrale della Nuova Zelanda. Un altro progetto, la Shutter House, uno sviluppo residenziale di fascia alta a New York, evoca la storica casa giapponese che si apre verso l’esterno formando la facciata della struttura come una serie di cancelli di sicurezza e porte da garage in vetro che si combinano per creare un muro esterno mobile per ciascuno appartamento. Altri edifici di Ban includono il ramo simile a una tenda del museo Centre Pompidou nella città di Metz, nella regione francese della Lorena.

Ivar Tengbom

Tutto ebbe inizio nel 1906, quando Ivar Tengbom ed Ernst Torulf fondarono la ditta di architetti Tengbom e Torulf. Il successo è quasi immediato, quando Ivar Tengbom vince il secondo premio in un concorso per il municipio di Stoccolma. Il vincitore è stato, come tutti sappiamo, Ragnar Östberg. Ma Tengbom diventa rapidamente un nome da non sottovalutare e completa molti progetti prestigiosi come il municipio di Borås (1909) e la chiesa di Högalid (1911-23). Sei anni dopo, Torulf lascia l’azienda e la carriera da solista di Tengbom decolla. Negli anni 1920, la sua azienda è una delle più grandi del paese; non sorprende dato i prestigiosi progetti già in portafoglio come la sala da concerto di Stoccolma, la sede centrale di Enskilda Banken di Kungsträdgården, Tändstickspalatset e Citypalatset. Come architetto iconico – prima come rappresentante del movimento nazionale dei romantici e poi, negli anni 1920, come classicista dell’epoca e funzionalista – Ivar Tengbom diventa anche architetto del restauro e architetto di palazzo a Stoccolma e Palazzi di Drottningholm. Quando Ivar muore nel 1963, subentra suo figlio Anders Tengbom, che ormai lavora negli anni ’30.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi