venerdì, Febbraio 23, 2024
0 Carrello
Edilizia

Case di paglia auto costruite

A Pescomaggiore, in Abruzzo, con le case di paglia auto costruite rinasce la voglia di vivere dei cittadini.

2.8KVisite

Mentre le case delle in cemento realizzate nelle “new town” dal governo Berlusconi cadono letteralmente a pezzi, la voglia di rinascere e ricostruire dopo il sisma de L’Aquila sta dando i suoi frutti a Pescomaggiore, dove dal basso e in maniera partecipata è nato un eco villaggio di case di paglie autocostruite.

Qui nella periferia di Pescomaggiore nel parco nazionale del Gran Sasso si è puntato sulla bioedilizia fai da te; case di paglia e promozione delle attività agricole, artigianali, turismo rurale e responsabile. 

 

 

 

L’Abruzzo rinasce dalla casa e dalla paglia.

 

Attività semplici ma che stanno facendo rinascere la voglia di vivere a persone che hanno visto sconvolti i loro progetti a causa del terremoto.

Dopo il sisma che nel 2009 ha sconvolto l’Abruzzo, una parte dei residenti ha deciso, su progetto degli architetti Paolo Robazza e Fabrizio Savini del BAG studio mobile, di realizzare un villaggio di case di paglia, low cost. Energia elettrica fornita da impianti fotovoltaici,  riscaldamento da stufa a legna, fertilizzanti per gli orti, tutto nel villaggio di case di paglia di Pescomaggiore riporta alla mente le più moderne dinamiche del costruire sostenibile.

Il progetto case di paglia, finalizzato al recupero e alla riqualificazione urbana rientra nell’ambito del progetto nazionale Bellezza Italia, nato per valorizzare i luoghi e le esperienze più qualificanti del Paese, sia dal punto di vista sociale che ambientale.

Il progetto completo “case di paglia” verrà presentato a pubblico e stampa, sabato 21 febbraio alle ore 17 presso l’Auditorium del Parco del Gran Sasso nel corso del convegno dedicato alla valorizzazione dei piccoli borghi montani, al turismo sostenibile, e alla presentazione del “Progetto e.v.a

Le case di paglia di Pescomaggiore rappresentano esattamente il meglio del genio italiano che non si arrende alle disgrazie, un genio che ha portato a ricostruire nel giro di alcuni anni le splendide architetture della Basilica di Collemaggio.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi