giovedì, Luglio 9, 2020
0 Carrello
Edilizia

Come nasce una città sostenibile? L’incredibile progetto urbanistico di Amaravati

Nell'India sud-orientale, 217 chilometri quadrati di terreni agricoli lungo il fiume Krishna si stanno trasformando in una città sostenibile. Storia e sviluppo del progetto.

Come nasce una città sostenibile? Il progetto urbanistico di Amaravati
1.56KVisite

Nell’India sud-orientale, 217 chilometri quadrati di terreni agricoli lungo il fiume Krishna si stanno trasformando in una città dichiarata utopia urbana. Al termine, Amaravati non sarà solo la nuova capitale dello stato dell’Andhra Pradesh, ma gli sviluppatori sperano che sia anche una delle città più sostenibili al mondo. Al suo centro ci sarà una spina verde ispirata a Central Park lunga 5,5 chilometri e larga 1 chilometro, secondo lo studio di architettura britannico Foster + Partners, che guida il progetto. I pannelli solari sui tetti alimenteranno gli edifici di Amaravati, mentre piste ciclabili, veicoli elettrici e taxi d’acqua serviranno alla rete di trasporto. Un sistema di irrigazione utilizzerà acqua riciclata e le strade ombreggiate incoraggeranno a camminare.

Il costo totale stimato del progetto è di 6,5 miliardi di dollari, secondo le autorità dell’Andhra Pradesh.

“Molti insediamenti tradizionali in India sono stati costruiti attorno ai principi di sostenibilità e ne abbiamo tratto ispirazione nel nostro progetto”, ha affermato Chris Bubb, partner senior di Foster + Partners.

Nel 2014, la ridefinizione dei confini statali ha trasferito l’allora capitale dell’Andhra Pradesh, la centrale tecnologica di Hyderabad, nella vicina regione di Telangana, appena creata. Lasciate senza capitale, le autorità dell’Andhra Pradesh decisero di costruire una nuova città. L’idea è quella di chiamarla Amaravati, come un antico villaggio che dista dalla futura Amaravati appena 10 chilometri di distanza.

Ma prima di costruire bisogna trovare la terra. Nel 2015, hanno chiesto agli agricoltori di partecipare a un “sistema di raggruppamento delle terre”. Per ogni ettaro gli agricoltori ceduti, ne riceveranno dal 25% al ​​30% in terreni sviluppati, dotati di energia elettrica, acqua corrente e fognature. Sono stati anche offerti benefici come assistenza sanitaria gratuita e istruzione, secondo le autorità.

“Inizialmente alcuni agricoltori hanno resistito, ma a gennaio 2017 il governo era riuscito a recuperare gran parte della terra di cui aveva bisogno” ha affermato Sreedhar Cherukuri, commissario dell’Autorità per lo sviluppo della regione della capitale dell’Andhra Pradesh.

Circa 28.000 agricoltori hanno dato collettivamente 138 chilometri quadrati di terra al progetto.

Il complesso governativo, con un design futuristico simile ad un ago, siederà nel cuore della spina dorsale verde che attraversa la città. L’infrastruttura esistente sarebbe stata potenziata, piuttosto che spazzata via, e i villaggi lungo il percorso di Amaravati sarebbero stati costruiti intorno, assicurando che nessuno fosse spostato dalla propria casa.

Chi vivrà ad Amaravati?

Il ritmo con cui Amaravati è stato pianificato e costruito l’aveva reso “uno dei progetti greenfield più veloci da realizzare”, secondo Cherukuri. Se tutto andrà bene, le strade principali, le infrastrutture e i principali edifici governativi – costruiti da Foster + Partners – saranno per lo più completati entro il 2021.

Negli ultimi anni, 30.000 persone si sono già trasferite in città, inclusi 12.000 impiegati statali che lavorano in un edificio amministrativo temporaneo che è stato costruito alla fine del 2016. Nel 2017 due università hanno aperto le loro porte a 4.000 studenti – altre cinque sono in lavorazione. Si prevede che ospedali, scuole, banche, hotel, nel previsto distretto centrale degli affari creeranno 430.000 posti di lavoro, mentre sono in cantiere anche strutture culturali e sportive.

Quando la città sarà completa, si prevede che attirerà talenti da tutta l’India – “forse da tutto il mondo”, ha detto Cherukuri. Si stanno costruendo proprietà residenziali per 5.000 famiglie a basso reddito e 4.000 impiegati statali e le loro famiglie. Ci saranno anche alloggi commerciali per 1.200 famiglie. La popolazione della città dovrebbe raggiungere i 3,5 milioni in 35

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi