sabato, aprile 20, 2019
0 Carrello
Attualità

Equo compenso professionisti, approvato al Senato ordine del giorno

Il governo dovrà garantire ai liberi professionisti di incassare il compenso pattuito per le prestazioni professionali rese alla committenza privata per tutti gli interventi regolamentati dal testo unico edilizia. Fond. Inarcassa: è un’opportuna sollecitazione al Governo, ma il percorso è ancora lungo

Equo compenso professionisti: al Senato approvato ordine del giorno
250Visite

Il governo dovrà garantire ai liberi professionisti di incassare il compenso pattuito per le prestazioni professionali rese alla committenza privata per tutti gli interventi regolamentati dal testo unico edilizia. Fond. Inarcassa: è un’opportuna sollecitazione al Governo, ma il percorso è ancora lungo.

Fondazione Inarcassa – la Fondazione Architetti e Ingegneri liberi professionisti iscritti Inarcassa – esprime soddisfazione per l’approvazione, al Senato nell’ambito dell’esame del decreto-legge Semplificazioni, dell’ordine del giorno a prima firma del Sen. Santillo che impegna il governo a garantire ai liberi professionisti di incassare il compenso pattuito per le prestazioni professionali rese alla committenza privata per tutti gli interventi regolamentati dal testo unico sull’edilizia.

“Fondazione Inarcassa è da anni in prima linea per garantire ai liberi professionisti la dignità lavorativa che meritano attraverso la piena affermazione del principio dell’equo compenso” ha commentato Egidio Comodo, Presidente di Fondazione Inarcassa.

“L’OdG rappresenta un’opportuna sollecitazione al Governo, ma il percorso è ancora lungo. Non possiamo permetterci di abbassare la guardia e auspichiamo un intervento concreto e definitivo da parte del Governo per la piena attuazione di un principio, quello dell’equo compenso, a tutela non solo della dignità di professionisti ma soprattutto della garanzia della qualità delle opere e dei servizi erogati ai cittadini”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi