mercoledì, Maggio 27, 2020
0 Carrello
Edilizia

Quanto costa costruire, gestire e mantenere un edificio a energia quasi zero?

Quanto costa costruire un edificio a energia quasi zero nzeb? Quali opzioni di efficienza energetica e rinnovabili potrebbero funzionare meglio per un determinato progetto?

Quanto costa costruire un edificio a energia quasi zero?
408Visite

Quali opzioni di efficienza energetica e rinnovabili potrebbero funzionare meglio per un determinato progetto? Rispondere a queste e altre domande è l’obiettivo di CRAVEzero.eu, una nuova piattaforma online interattiva. Supporta architetti e progettisti durante il processo di progettazione e costruzione offrendo una serie di strumenti software per stimare quanti soldi saranno necessari per un edificio a energia quasi zero (NZEB) nel corso della sua vita. Una delle proprietà che sono state analizzate come parte di CRAVEzero è l’Isola nel Verde, un condominio a Milano, Italia.

“Abbiamo esaminato attentamente la struttura dei costi e i processi di pianificazione di 12 progetti dimostrativi NZEB in Austria, Francia, Italia e Svezia per identificare una base di costo per l’acquisto, la manutenzione e il funzionamento di diversi componenti, inclusi i sistemi di recupero del calore, solare installazioni termiche e involucri edilizi “, ha affermato Tobias Weiss, che lavora come project manager di CRAVEzero presso AEE INTEC con sede in Austria. Le lezioni apprese dall’attuazione di questi progetti vetrina, incentrati sulla costruzione di strutture multipiano in Europa, sono state condivise da allora con l’intero settore. “Utilizzando i dati del mondo reale di questi progetti dimostrativi, abbiamo effettuato calcoli per mezzo milione di varianti, che è possibile cercare online andando alla dashboard di Case Study interattivo”, ha spiegato Weiss.

La dashboard può essere trovata nella bacheca di CRAVEzero, una pagina Web attualmente in fase di beta-test e include una serie di strumenti che offrono supporto ai pianificatori di progetti NZEB.

Questo grafico mostra i costi del ciclo di vita di diverse varianti per Isola nel Verde a Milano, in Italia, in relazione alla loro specifica domanda di energia primaria.

Le combinazioni che sono soggette agli stessi standard di efficienza per involucri edilizi, riscaldamento e ventilazione e sistemi di energia solare sono evidenziate nello stesso colore.

Ai fini del calcolo, si presume che i prestiti abbiano una durata di 25 anni e un interesse del 3% con un’inflazione del 2% e un tasso di sconto nominale del 3%.

Il grafico sopra mostra i costi del ciclo di vita (LCC) di centinaia di varianti per l’Isola nel Verde in Italia. I costi specifici vanno da 2.800 a 3.600 EUR / m2 (fattore: 1.3). La stima dei costi per l’edificio attuale era di 3.615 EUR / m2, suddivisa tra 1.899 EUR / m2 (53%) per l’edificio stesso e 1.716 EUR / m2 per il suo funzionamento (energia, manutenzione e simili). Per quanto riguarda la domanda di energia primaria, alcune varianti differiscono addirittura di un fattore 2.

Se l’Isola nel Verde fosse stata costruita in linea con le normative edilizie comuni, che richiedono l’aggiunta di una pompa di calore ad aria ma senza sistema di ventilazione / energia primaria la domanda sarebbe stata compresa tra 140 kWh / m2 e 210 kWh / m2 all’anno.

Le varianti più ecologiche includono 72 m2 di area di collettori solari e un generatore fotovoltaico da 14 kWp (punti viola) e riducono la domanda annuale di energia primaria per l’intera vita dell’edificio a circa 100 kWh / m2.

“Il calcolo delle varianti di LCC è quindi un passo fondamentale nel processo di pianificazione integrata di edifici a energia zero. Altrimenti, si corre il rischio che architetti e ingegneri ottimizzino i componenti pensando solo alla loro area specifica e perdano di vista gli obiettivi condivisi ”, ha affermato Weiss. Le varianti, compresi i sistemi solari termici hanno costi del ciclo di vita più bassi rispetto a tutte le opzioni di Isola nel Verde. Questi sistemi possono comportare un leggero aumento dell’importo iniziale dell’investimento, ma risparmieranno ogni anno somme di denaro crescenti a causa dell’aumento dei costi energetici nel corso della durata di 20 anni di un collezionista. Ad esempio, in Europa, fino al 50% del rame utilizzato come materiale chiave per realizzare circuiti termici solari può essere successivamente riciclato.

Secondo l’Istituto europeo del rame, il riciclaggio riduce il consumo di energia fino all’85% rispetto alla produzione primaria. Gli utenti possono filtrare per inviluppo, standard di efficienza e sistema di riscaldamento o condizionamento per trovare varianti.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi