martedì, febbraio 20, 2018
0 Carrello
Ambiente

Sisma centro italia: controlli sulle schede aedes

La scheda AeDES, è stata prevista per gli edifici danneggiati ritenuti inutilizzabili, da ricondurre all'attivita' dei liberi professionisti

50Visite

Con Ordinanza dell’11 luglio del Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016 (in GURI 24 luglio 2017 n. 171) è stato approvato un protocollo di intesa fra il Commissario straordinario, Guardia di finanza e Corpo nazionale dei Vigili del fuoco per l’effettuazione dei controlli a campione sulle perizie giurate relative alle schede AeDES.

Tale controllo è emerso in considerazione del notevole incremento del quadro di danneggiamento causato dagli eventi del 26 e 30 ottobre 2016, al fine di velocizzare quanto piu’ possibile l’analisi del danno al patrimonio edilizio privato dei territori colpiti, anche allo scopo di individuare l’esatto fabbisogno di soluzioni abitative temporanee e di breve termine.

La scheda AeDES, è stata prevista per gli edifici danneggiati ritenuti inutilizzabili, da ricondurre all’attivita’ dei liberi professionisti nel quadro delle misure per la concessione dei contributi per la ricostruzione; a fronte di tali attività è stato quindi previsto un controllo delle perizie giurate relative alle schede AeDES nella misura di almeno il 10%, al fine di valutare la dichiarata connessione del danno agli eventi sismici iniziati il 24 agosto 2016 e la congruità dell’esito, sempre in relazione ai danni accertati.

Al fine di effettuare controlli, il Commissario Straordinario, con il citato protocollo, ha previsto la collaborazione della Guardia di finanza e del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, per attivare controlli a campione finalizzati ad accertare la corrispondenza tra l’edificio periziato, e relativa documentazione fotografica, e quello dichiarato ai fini della richiesta di contributo.