giovedì, Luglio 25, 2024
0 Carrello
Attualità

“Trait d’union” si aggiudica il concorso per la riqualificazione urbana di Rio

Sono Alberto Antoni e Daniela Pozza i vincitori del concorso per la riqualificazione urbana del centro storico di Rio, frazione di Ponte San Nicolò (Padova).

2.18KVisite

Sono Alberto Antoni e Daniela Pozza i vincitori del concorso per la riqualificazione urbana del centro storico di Rio, frazione di Ponte San Nicolò (Padova). Al concorso, bandito a luglio 2015 e riservato ad architetti ed ingegneri, hanno risposto 18 studi con altrettante differenti idee. A decidere i vincitori è stata la giuria, composta dagli architetti Roberto Bettio, dirigente Settore Uso ed Assetto del Territorio, Giovanna Mar di Venezia e Danilo Rossetto, responsabile dell’Area Tecnica settori Edilizia Privata, Urbanistica, Ufficio Progettazione.

Ai partecipanti erano richieste proposte progettuali finalizzate a valorizzare le tre vie principali confluenti nel centro, insieme alle aree attigue alla chiesa, agli spazi del patronato, della scuola elementare. ( Il secondo posto è andato all’arch. Gianfranco Franchi di Pistoia; il terzo al raggruppamento temporaneo di professionisti guidato dall’arch. Giorgio Grazian di Padova ndr )

Cosa prevede il progetto di riqualificazione urbana firmato da Alberto Antoni e Daniela Pozza ?

Il progetto prevede una serie di interventi e di avvenimenti architettonici finalizzati a riqualificare le aree del centro mettendole in relazione tra di loro ed arricchendole di sensazioni spaziali, visive, tattili ed olfattive. L’obiettivo finale è quello di dare valore alla Civitas degli abitanti tramite tre nuove architetture: il nuovo edificio commerciale-residenziale, la nuova scuola materna, il padiglione della sostenibilità. I tre edifici danno vita a nuovi percorsi pedonali, nuovi spazi di aggregazione ed occasioni di sosta.

Cenni storico architettonici su Rio

 

Rio di Ponte San Nicolò è una frazione del comune di Ponte San Nicolò, in provincia di Padova formatasi all’inizio del Duecento con il nome di Rivus. In ambito architettonico riveste particolare importanza la chiesa parrocchiale dedicata a Sant’Antonio Abate. La chiesa citata già in un testamento del 1267. 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi