giovedì, Dicembre 7, 2023
0 Carrello
Attualità

Verso Expo Astana 2017

L’Expo 2015 di Milano è appena chiuso è già cresce l’attesa per Expo Astana 2017, grande attesa per l’esposizione universale del Kazakhistan

1.82KVisite

Mercoledì 28 ottobre, quasi in chiusura di Expo 2015, il Padiglione del Kazakhstan ha svelato i progressi che il Paese sta svolgendo in vista dell’Expo Astana 2017, che avrà come tema “Future Energy”.

Il Paese asiatico ospiterà un’Esposizione Internazionale che inizierà il 10 giugno 2017 per la durata di tre mesi. Tre mesi dedicati all’energia del futuro, con 100 Paesi e, si stima, circa 5 milioni di visitatori

Expo Astana 2017 sarà un’Esposizione Internazionale che prevede la partecipazione di 100 Paesi, dei quali 48 hanno già confermato la loro presenza, insieme a due agenzie delle Nazioni Unite: Unesco e Unido.

L’edizione di Astana vedrà degli spazi dedicati all’energia, si parlerà e discuterà di riduzione delle emissioni e del grande tema dell’efficienza energetica. Inoltre il piano prevede quattro Padiglioni tematici, che vanno dal “mondo dell’energia” alle “fonti per la vita”.

Ma quale differenza ci sarà tra l’Expo 2015 e Expo Astana 2017?

La differenza principale tra un’Esposizione Internazionale e una Universale, come Expo Milano 2015 oltre alla durata ridotta e al limite di spazio edificabile, è il particolare che l’edizione Internazionale permette di stabilire la destinazione del Sito Espositivo al termine dell’evento. In questo caso lo spazio del Kazakhstan accoglierà un hub internazionale per l’energia del futuro.

 

Nell’area dove sorgerà Expo Astana 2017 i lavori sono già iniziati, insieme alle vari opere di infrastruttura che collegheranno l’Esposizione Internazionale al centro della capitale. Il cuore del Sito Espositivo, che avrà una pianta a forma circolare, sarà il Padiglione del Kazakhstan rappresentato dalla sfera di vetro più grande al mondo di circa 26 mila metri quadri.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi