lunedì, Febbraio 26, 2024
0 Carrello
Edilizia

Bonifico parlante per detrazione fiscale: cosa è e come si compila?

Bonifico parlante per detrazione fiscale: cosa è e come si compila?
493Visite

Il trasferimento fondi con descrizione dettagliata per agevolazioni fiscali, noto anche come bonifico parlante, è essenziale per accedere a varie riduzioni fiscali legate alla casa, come la ristrutturazione, l’acquisto di mobili, e incentivi per l’efficienza energetica. Questo tipo di bonifico, sia bancario che postale, include informazioni dettagliate su chi effettua il pagamento e il beneficiario, garantendo la tracciabilità delle transazioni.

  1. Come compilarlo.
  2. Per quali lavori e agevolazioni è richiesta la compilazione di un bonifico parlante?
  3. Come correggere un bonifico errato?
  4. Sei un architetto? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Bonifico parlante per detrazione fiscale. Linee guida per conoscerlo e per compilarlo correttamente.

Questo strumento finanziario si rivela cruciale per dimostrare il pagamento di lavori di ristrutturazione, acquisti di mobili ed elettrodomestici, oltre alle spese per servizi professionali. È realizzabile sia online che fisicamente presso le banche o uffici postali.

Come compilarlo.

Per la compilazione corretta, è importante inserire una serie di informazioni specifiche, come la citazione “Bonifico per detrazioni previste dall’art. 16-bis del Dpr 917/1986”. È utile anche includere i dettagli della fattura correlata, ad esempio, “Pagamento fattura n XY del giorno/mese/anno della ditta ………”.

A seconda del tipo di agevolazione fiscale richiesta, variano le formulazioni da inserire nel bonifico, che possono riferirsi a detrazioni per ristrutturazioni edilizie, acquisto di mobili, interventi per la riduzione del rischio sismico, miglioramenti energetici o interventi di tipo ambientale.

Inoltre, è necessario inserire il codice fiscale del beneficiario, che può essere un singolo individuo, una società, o un condominio, a seconda della situazione specifica. Anche la partita IVA o il codice fiscale del soggetto che effettua i lavori deve essere indicato.

Per quali lavori e agevolazioni è richiesta la compilazione di un bonifico parlante?

Le detrazioni fiscali per cui il bonifico parlante è richiesto includono una vasta gamma di lavori, tra cui ristrutturazioni edilizie, manutenzioni straordinarie, restauro, acquisto di mobili e elettrodomestici, interventi antisismici e iniziative per il risparmio energetico.

Per la detrazione del 50%, è necessario inserire una dicitura specifica nella causale del bonifico per i lavori di ristrutturazione. Omettere questo passaggio può comportare la perdita del diritto alle detrazioni fiscali.

Come correggere un bonifico errato?

In caso di errori nella compilazione, è possibile correggere il bonifico parlante seguendo le procedure stabilite dall’Agenzia delle Entrate, attraverso una dichiarazione sostitutiva rilasciata dall’impresa attestante l’avvenuto pagamento.

Sei un architetto? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNAPPC.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi