sabato, febbraio 17, 2018
0 Carrello
Urbanistica

Curatorias: architettura, arte e cura del territorio

Curatorias: Roberto Sanna, giovane architetto di Nuoro, ha realizzato un progetto geo-fotografico sullo stato dei paesaggi in Sardegna

35Visite

Roberto Sanna, architetto nuorese classe 1988, ha dato vita a Curatorias, un progetto fotografico a meta strada tra l’arte, l’architettura e la cura dell’ambiente. Un progetto, che sta riscuotendo un notevole successo sui principali social media e che mira a dare un quadro più completo e affidabile sullo stato dei paesaggi in Sardegna. Uno spaccato che mostra come l’Isola stia cambiando, qualcuno direbbe stravolgendo, giorno dopo giorno i connotati stessi della Sardegna.

Il progetto di Sanna richiama espressamente le antiche Curatorias, un sistema di suddivisione del territorio degli enti locali che per secoli è stato utilizzato in Sardegna e che ha permesso la realizzazione concreta di un prototipo statuale simile allo stato moderno. I giudicati emersero infatti come forma originale e avanzata di auto-organizzazione politica nel quale il sistema amministrativo, giuridico e produttivo si articolava sulla base delle esigenze locali.

L’assetto territoriale delle curatorias sopravvive però anche oggi in Sardegna. Nonostante gli stravolgimenti portati dall’imposizione del feudalesimo, dalla violenta cementificazione delle coste, dall’importazione di piani industriali completamente slegati dal contesto socio economico isolano, la maggior parte delle curatorias continua a vivere come entita sub -provinciali

 Per quale motivo è stato scelto il termine curatorias per il progetto di dell’Architetto nuorese Sanna?

“ Si è scelto di utilizzare questo nome” ha affermato più volte Sanna al taccuino dei colleghi sardi “per la peculiarità intrinseca di questa forma di governo del territorio. Il termine richiama una maggiore consapevolezza e uno sguardo d’insieme sull’isola che oggi spesso non si riesce a rintracciare”

“Curatorias – overview of an Island vuole essere un progetto geo-fotografico sullo stato dei paesaggi nell’isola di Sardegna” continua Sanna “ un progetto che utilizza uno strumento imparziale come la fotografia aerea, rielaborata nei canoni della fotografia panoramica, e che cerca di diffondere una maggiore consapevolezza sui luoghi dell’isola, nelle loro dinamiche e staticità. Curatorias si propone di indagare sulla percezione dei luoghi della Sardegna, un’isola non mero oggetto storico, ma soggetto attivo la cui storia produce esiti e conseguenze che si riflettono sulla percezione e sull’uso degli spazi”.

 

Le diverse riprese aeree, estratte dal geoportale della regione autonoma della Sardegna, sono riunite per album tematici, in modo da costituire col tempo un archivio che copra l’intera isola nei diversi campi d’indagine.