domenica, Gennaio 29, 2023
0 Carrello
Professione

Decostruttivismo: alla scoperta delle architetture distorte.

Quali sono le caratteristiche del Decostruttivismo? Architetture, nomi noti ed esempo pratici di architetture decostruttiviste.

Decostruttivismo: alla scoperta delle architetture distorte.
290Visite

Il decostruttivismo è un movimento architettonico che si è sviluppato alla fine degli anni ’80. Si basa sull’idea che il significato in un edificio può essere derivato dalla sua forma e struttura, piuttosto che attraverso metodi tradizionali di progettazione. Il decostruttivismo cerca d’interrompere le forme tradizionali di architettura introducendo elementi di frammentazione e distorsione nei progetti di design.

  1. Caratteristiche del decostruttivismo.
  2. Architetti decostruttivisti.Cosa ha lasciato all’architettura Louis Kahn?
  3. Esempi concreti di decostruttivismo.
  4. Sei un architetto? Per lavorare al meglio devi costantemente aggiornare le tue competenze architetti?

Quali sono le caratteristiche del Decostruttivismo? Architetture, nomi noti ed esempi pratici di architetture decostruttiviste.

Lo stile è caratterizzato da forme complesse, non rettilinee, che spesso appaiono frammentate o sconnesse. Questa rottura può essere trovata in forme curve, piani intersecanti e angoli inaspettati che si staccano dai tradizionali design lineari. I materiali sono spesso usati in modo contrastante per creare contrasto tra superfici chiare e scure, così come trame diverse per aggiungere ulteriore complessità al design.

Caratteristiche del decostruttivismo.

Il decostruttivismo è un movimento artistico emerso alla fine del XX secolo. Cerca di sfidare e distruggere le idee tradizionali di forma e struttura, spesso attraverso l’uso di materiali non ortodossi e forme astratte. Il decostruttivismo è stato utilizzato in una serie di mezzi, tra cui arti visive, letteratura, architettura e film.

Le caratteristiche distintive del decostruttivismo sono la sua attenzione alla frammentazione, all’ambiguità e alla rottura. I pezzi all’interno di questo genere presentano tipicamente forme frantumate che sembrano essere spezzate o incompiute. Questo ha lo scopo di creare un senso di instabilità o caos che mina le nozioni tradizionali di armonia unificata nelle opere d’arte. Sebbene il decostruttivismo possa sembrare disorganizzato dal punto di vista di un estraneo, in realtà è composto con molta attenzione con ogni elemento scelto intenzionalmente per il suo significato all’interno del pezzo nel suo insieme.

Architetti decostruttivisti.

Il decostruttivismo è un movimento architettonico emerso alla fine del XX secolo, incentrato sulla frammentazione e sul caos. I suoi architetti più famosi furono Peter Eisenman, Zaha Hadid, Frank Gehry e Daniel Libeskind.

Peter Eisenman è senza dubbio una delle figure di spicco dell’architettura decostruttivista con i suoi progetti d’avanguardia come il Wexner Center for Arts in Ohio. Ha usato forme astratte per sfidare le convenzioni di spazio e funzione enfatizzando il caos sull’ordine. La sua ispirazione è venuta dalla teoria del linguaggio del filosofo Jacques Lacan, in cui vede l’identità come un processo di continua autocostruzione e disintegrazione piuttosto che un’entità fissa.

Zaha Hadid era un’altra figura di spicco associata al decostruttivismo che rifiutava il formalismo prendendo elementi frammentati dagli stili architettonici tradizionali per creare il proprio stile unico.

Esempi concreti di decostruttivismo.

La Walt Disney Concert Hall di Los Angeles, in California, è l’esempio iconico del decostruttivismo. Progettato da Frank Gehry, l’esterno è costituito da pareti curve costituite da pannelli in acciaio inossidabile che riflettono la luce in modo diverso a seconda dell’ora del giorno o del tipo di tempo. All’interno, Gehry ha anche sperimentato il movimento e la consistenza utilizzando pannelli di legno in tutti i corridoi e creando grandi scale a chiocciola senza ringhiere per spostarsi tra i livelli.

Sei un architetto? Per lavorare al meglio devi costantemente aggiornare le tue competenze architetti?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNAPPC.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi