mercoledì, giugno 19, 2019
0 Carrello
Urbanistica

Torino: entro il 2016 si avrà la riqualificazione urbana del quartiere Aurora

Una riqualificazione urbana su grande scala interesserà nei prossimi mesi il quartiere torinese dell’Aurora

435Visite

A Torino l’ex-centrale Enel di via Bologna diventerà un polo di attrazione e di riferimento per tutti i cittadini e un importante tassello della riqualificazione urbana del quartiere Aurora. Il suo completo recupero funzionale ha avuto un’ulteriore spinta con l’approvazione, da parte della giunta comunale, dello «schema di convenzione di assoggettamento all’uso pubblico del complesso ex-centrale» tra la città di Torino e la società Luigi Lavazza spa, previsto dalla convenzione urbanistica già stipulata nell’ottobre del 2011.E5 prospetti.

In cosa consiste il progetto di riqualificazione urbana torinese?

Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo spazio di 5mila metri quadrati, a cui si potrà accedere da una piazza-giardino. Tutta l’area sarà parte integrante della nuova sede della Lavazza spa, ora in costruzione, e destinato ad ospitare attività di pubblico interesse, come  formazione, esposizioni, iniziative a carattere sperimentale, congressi, oltre ad aree per la ristorazione.

Tutta l’area sarà strutturata su due diverse aree, ognuna delle quali dotata di una sala congressi da duecento posti e uno spazio collegato per eventi vari e catering.

I lavori interessano anche l’area lungo Via Pisa, che è gia stata soggetta a diversi lavori di riqualificazione urbana e oggi ospita i locali dell’istituto d’arte applicata e design.

Tutta l’area, chiamata dagli abitanti della zona “La Cattedrale” sarà pronta alla fine del 2016, pochi mesi dopo il trasferimento nel nuovo centro direzionale degli uffici Lavazza, previsto nell’estate 2016.

 

“Si tratta di un intervento di riqualificazione urbana che il quartiere aspettava da tempo” ha affermato Stefano Lo Russo, Assessore regionale al piano regolatore e alle politiche urbanistiche del Piemonte “una soluzione che vuole offrire una funzione pubblica a uno spazio di grande qualità architettonica abbandonato ormai da molti anni. Il suo riuso urbano è uno degli elementi qualificanti dell’intero progetto realizzato da Cino Zucchi e un segnale della volontà di Lavazza spa di essere parte integrante del tessuto economico e sociale della nostra città, offrendo l’ex-centrale come spazio di dialogo per e con i cittadini”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi