sabato, Marzo 28, 2020
0 Carrello
Professionisti

Zaha Hadid Architects costruirà uno stadio di calcio in legno innovativo

Lo studio del defunto architetto Zaha Hadid ha ottenuto un permesso di costruzione per uno stadio di calcio in legno, il primo del suo genere al mondo

Zaha Hadid Architects: uno stadio di calcio in legno innovativo
654Visite

Lo studio del defunto architetto Zaha Hadid ha ottenuto un permesso di costruzione per uno stadio di calcio in legno, il primo del suo genere al mondo, che si trova nel Gloucestershire, in Inghilterra. Progettato da Zaha Hadid Architects, l’Eco Park Stadium, futura sede del Forest Green Rovers Football Club, sarà il primo stadio di calcio costruito interamente in legno.

Oltre a mantenere il paesaggio del prato del sito, lo stadio utilizzerà metodi di costruzione a basse emissioni e sarà costruito con legname sostenibile.

Tra gli obiettivi fissati per l’Eco Park Stadium di Forest Green Rovers vi è la previsione che dovrebbe essere carbon neutral o addirittura carbon-negative con la produzione di energia rinnovabile in loco e che dovrebbe dimostrare che l’architettura sostenibile può essere piacevole ed estremamente funzionale.

La rivista di architettura online Dezeen è stata la prima a dare l’annuncio dell’avvio dei lavori, ok arrivato solo al secondo tentativo di ottenere un permesso di costruzione per lo stadio di legno da 5.000 posti.

Una proposta originale è stata respinta a giugno 2019. La versione rivista del progetto presenta una diversa strategia paesaggistica per compensare meglio la perdita di campi verdi nel sito.

Dezeen aggiunge inoltre che anche il nuovo stadio nazionale giapponese dell’architetto nipponico Kengo Kuma, costruito per i Giochi olimpici di Tokyo 2020, sarà realizzato interamente in legno ma sarà completato con una tettoia in acciaio.

Nata a Baghdad nel 1950, Hadid ha lanciato la sua agenzia all’età di 29 anni, dopo aver inizialmente lavorato con l’architetto Rem Koolhaas. È stata la prima donna a ricevere il Pritzker Prize for Architecture, uno dei premi più prestigiosi della professione

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi