|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
unionearchitetti
  • News » Attualità

Bando Periferie: tutti i chiarimenti in arrivo dalla Presidenza del Consiglio sulla riqualificazione urbana

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha chiarito alcuni quesiti inerenti al “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie …”

 


Bando Periferie: tutti i chiarimenti in arrivo dalla Presidenza del Consiglio sulla riqualificazione urbana

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha chiarito alcuni quesiti inerenti al “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta”.  Un bando che mette a disposizione 500 milioni di euro e cui i progetti dovranno pervenire entro il prossimo 30 Agosto.

Viene quindi specificato che, nell’ambito dei progetti per l’accrescimento della sicurezza e capacità urbana  sono erogabili fondi rivolti “ all’accrescimento della sicurezza e della capacità di resilienza urbana” altresì risultano anche finanziabili anche quelli che mirano al contrasto del rischio idrogeologico e dell’erosione costiera o volti al miglioramento della sicurezza idraulica altresì i progetti candidabili possono prevedere la demolizione e successiva ricostruzione di un edificio destinato ad uso pubblico solo però se  tale intervento è conforme allo strumento urbanistico vigente ed è opportunamente motivato. Viene inoltre precisato che i privati possono partecipare per una quota di almeno il 25% del valore del progetto e che tale somma può essere rappresentata anche dal valore economico di una casa, da risorse umane ad esso dedicate dalla formazione. Viene anche sottolineato che tra i progetti che compongono la proposta è possibile candidare nella sua totalità un progetto che si può dividere in più parti di cui alcuni non erogabili, altri finanziabili altri ancora in corso di realizzazione.

 

Infine i progetti possono riguardare strutture edilizie esistenti (da manutenere, riusare e rifunzionalizzare anche con sostituzione edilizia) destinate “in misura totale o prevalente a edilizia residenziale di iniziativa pubblica”.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!


UnioneArchitetti