sabato, Giugno 6, 2020
0 Carrello
Attualità

Bonus Facciate: secondo gli Architetti Anconetani potrà essere uno strumento in grado di dare un nuovo volto alle città e una spinta all’edilizia

Il Governo introduce il Bonus Facciate e gli architetti esprimono soddisfazione per un provvedimento che potrebbe aiutare la rinascita delle nostre città

Il Governo introduce il Bonus Facciate: il parere degli architetti
443Visite

“Siamo contenti che il Governo voglia introdurre il cosiddetto bonus facciate destinato al rifacimento delle facciate degli edifici, sia storici sia moderni – afferma l’ordine degli Architetti PPC di Ancona – Se il provvedimento previsto in Legge di bilancio verrà confermato, potrà dare un nuovo volto alle nostre città e costituire una spinta a un settore in ginocchio come quello dell’edilizia. Secondo l’associazione dei costruttori edili il beneficio potrebbe ammontare a 2,8 miliardi di euro, una cifra che probabilmente è persino sottostimata. L’agevolazione consiste in un credito di imposta del 90% sulle spese sostenute.”

Per quale motivo il Bonus Facciate potrà impattare positivamente il settore dell’edilizia anconetana? Qual’è il parere informato degli architetti di Ancona?

Sono molti gli edifici ad Ancona in primis, ma anche in altri centri della nostra provincia, che hanno un urgente bisogno di opere di rifacimento. Per il decoro ma anche per la sicurezza delle persone. Da parte nostra saremo in prima linea per assistere cittadini e imprese, con la nostra professionalità, nelle opere che partiranno nel 2020, in particolare per il rifacimento di facciate di valore storico e architettonico.

“ Come architetti non possiamo dimenticare che esiste un altro strumento di fondamentale importanza per un territorio a rischio terremoti come il nostro: il sisma bonus, già prorogato tempo fa fino al 2021, permetterà di recuperare buona parte della spesa per adeguare il proprio edificio contro il rischio sismico”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi