domenica, Marzo 3, 2024
0 Carrello
Attualità

La (Bio)architettura mondiale è un po’ più povera: addio a Françoise-Hélène Jourda

L’architetto francese Françoise-Hélène Jourda, pioniera della bioarchitettura e progettazione ecologica, è morta a Parigi all'età di 59 anni.

2.41KVisite

Françoise-Hélène Jourda, fondatrice nella capitale francese  del celebre studio di bio-architettura Jourda, è morta nella capitale francese all’età di 59 anni. La Jourda era considerata uno dei grandi nomi dell’architettura mondiale , in particolare di quella branca dell’architettura che viene chiamata bioarchitettura. Il principio dello sviluppo sostenibile è stato per diversi anni al centro del suo insegnamento, un corretto sviluppo dell’architettura in funziona bio era da Lei considerato come un vero e proprio obiettivo per i progetti urbanistici e  architettonici

Ma chi era Françoise-Hélène Jourda?

Dare un compendio della carriera della Jourda non è casa semplice, in pochi decenni di studio ha praticamente rivoluzionato il mondo della bioarchitettura, partecipando a numerosi progetti che hanno realmente lasciato il segno.

Françoise-Hélène Jourda viveva a Parigi, dove ha sede il suo studio di architettura JAP (Jourda Architectes Parigi). Dal 1999 ha insegnato  all’Università di Vienna e diretto la società di consulenza in architettura e pianificazione urbana Eo.Cite.

Tra i suoi lavori possiamo citare la Scuola di Architettura di Lione,  con alloggi per studenti, il nuovo parco pubblico di Postdam, la città-giardino di Vitry-sur-Seine, le serre botaniche di Bordeaux.

Uno dei maggiori progetti di bioarchitettura della Jourda si trovav però a Parigi, dove nel 2013  ha realizzato la Halle Pajol, uno degli edifici più ecologici della capitale francese: si tratta di una centrale solare per la produzione di energia pulita, e al tempo stesso di un complesso multifunzionale  con tanto di biblioteca, ostello, uffici, negozi e parco. Per la sua innovativa opera di progettazione, Jourda ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti: la Francia l’ha nominata Cavaliere dell’Ordine della Legione d’Onore, Cavaliere dell’Ordine Nazionale al  Merito, Francia e Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere. Era membro onorario dell’Associazione tedesca degli architetti, dell’Accademia tedesca di Belle Arti e dell’Accademia francese di  Architettura.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi