venerdì, Maggio 24, 2024
0 Carrello
Urbanistica

La rigenerazione urbana degli ex scali ferroviari milanesi

Ex scali ferroviari milanesi: non si affossi intervento importante per tutto il paese

1.92KVisite

“I giochi politici preelettorali non affossino una bella e utile operazione di rigenerazione urbana quale è quella prevista per gli ex Scali ferroviari Milanesi che riguarda non solo lo sviluppo urbanistico di oltre un milione di metri quadrati della metropoli, ma che può essere di esempio e punto di partenza per interventi, all’insegna del Riuso, anche nelle altre città del nostro Paese.”

Così Leopoldo Freyrie, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

Per Freirye infatti l’accordo previsto per questa vasta area può aprire una nuova fase per fondamentali trasformazioni che riguardino innanzitutto la vita dei cittadini e che possano rappresentare stimolanti sfide per la città e per il suo rilancio. “Quello che si configura come il più grande processo di rigenerazione urbana in Italia che coniuga il riuso con lo stop al consumo di suolo e che per la prima volta, per un così importante intervento” ha affermato Freyrie “ha previsto un “débat public”, nel rispetto delle esigenze espresse dalla cittadinanza sul fabbisogno di spazi pubblici, non può essere oggetto di mere operazioni pre-elettorale che vanno a tutto discapito dei cittadini”.

Il parco immobili degli ex scali ferroviari milanesi dismesso in questi ultimi anni

Un milione e 250mila metri quadrati, più di 500 mila dedicati al verde a cui si aggiungono 10 chilometri di nuove piste ciclopedonali. Più verde sì, ma anche aree edificabili per 674mila metri quadrati e insediamenti di edilizia residenziale sociale per circa 156mila metri quadrati, pari a 2.600 nuovi alloggi.

Le aree toccano diverse zone della città: Greco – Breda, Farini, Lambrate e ancora San Cristoforo, Porta Genova, Romana e Rogoredo portando benefici di fatto a tutti i milanesi.

“Una tappa importante nel lungo cammino che stiamo percorrendo per rendere possibile la trasformazione degli ex scali milanesi”.

Così Carlo De Vito, Amministratore Delegato di FS Sistemi Urbani ha accolto la notizia che ha visto la giunta comunale approvare nei mesi scorsi l’accordo di programma con Regione Lombardia e Ferrovie dello Stato Italiane sulla riqualificazione di sette scali ferroviari milanesi.

 

 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi