sabato, Maggio 18, 2024
0 Carrello
Professionisti

Osservatorio sulla professione di Architetto: il 20 gennaio la scadenza

L’Osservatorio sulla professione di Architetto è un punto di riferimento sullo stato dell’edilizia e del mercato della progettazione...

1.87KVisite

Si avvicina la scadenza, fissata per il prossimo 20 gennaio,  del termine per la partecipazione all’edizione 2015 dell’Osservatorio sulla professione di Architetto realizzato dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di concerto con il Cresme.

L’indagine è aperta a tutti gli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori iscritti all’Albo Unico Nazionale che vi possono partecipare, in modo del tutto anonimo, rispondendo all’apposito questionario al link  questionario.cnappc.cresme.it

Scopo dell’ Osservatorio sulla professione di Architetto è quello di analizzare le condizioni, a livello locale e nazionale, in cui si svolge la professione di architetto per individuare le politiche da adottare per l’impegno e il lavoro profuso, nel nostro Paese, dai professionisti.

In questo momento particolare, secondo i dati appena diffusi dal  Centro studi ImpresaLavoro, l’edilizia ha perso il  23,78% degli addetti in sette anni con una un’emorragia di 464mila posti di lavoro, è importante comprendere quanto sia grave la crisi di mercato che la professione sta vivendo identificando, con l’aiuto degli iscritti, i temi prioritari sui quali concentrare l’azione del Consiglio Nazionale e degli Ordini Provinciali.

 

Nel corso degli anni l’Osservatorio sulla professione di Architetto è diventato sempre più un punto di riferimento nel delineare lo stato dell’edilizia e del mercato della progettazione in Italia, ma anche uno strumento in grado di fornire le linee di tendenza di questo importante comparto, anticipando quelli che saranno i futuri scenari dei quali le forze istituzionali, politiche ed economiche dovranno tenere conto.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi