giovedì, Luglio 9, 2020
0 Carrello
Professionisti

I migliori architetti di tutti i tempi: seconda puntata

Da Philip johnson a Richard Rogers passando per Eero Saarinen: tre nomi iconici, tre architetti che hanno scritto pagine su pagine nella storia dell’Architettura

Da johnson a Saarinen: i migliori architetti di tutti i tempi
620Visite

Philip Johnson– Il ruolo di Johnson come direttore fondatore del Dipartimento di Architetto del MoMA ha avuto un enorme impatto sul campo, rendendolo un guardiano che ha contribuito a modellare le tendenze dell’architettura dal 1935 in poi. Era anche un designer a sé stante, anche se è giusto dire che era più un raffinatore delle idee di altre persone che un innovatore. Tuttavia, il suo lavoro ha raggiunto lo status iconico in numerosi casi, in particolare nella residenza che ha costruito per sé nel 1949. La casa è una distillazione dell’approccio di Mies Van der Rohe e, in effetti, lo stesso Johnson ha notato che era “più Mies di Mies.

”Una scatola trasparente incastonata tra motivi squisitamente paesaggistici, The Glass House dissolve i confini tra interno ed esterno, pubblico e privato. L’uso estensivo di lastre di vetro ha indubbiamente ispirato gran parte dell’architetto agli sviluppi di lusso di oggi. Allo stesso modo Johnson cavalcò l’ondata postmoderna con il suo edificio “Chippendale” per AT&T (ora di proprietà privata), così chiamato per la sua corona a frontone spezzato che assomiglia alla cima di un classico high-boy del 18 ° secolo.

Eero Saarinen – Durante l’era del dopoguerra, la filosofia lineare del Bauhaus si è evoluta in stile internazionale, l’estetica di riferimento per le nuove sedi aziendali e gli uffici governativi di tutto il mondo. In sostanza, l’ideale modernista della semplicità è diventato una forma di conformità aziendale, ed è in questo contesto che i disegni di Eero Saarinen della metà del secolo sono stati un valido correttivo. Contrariamente alla scatola standardizzata adottata dall’International Style, Saarinen impiegava curve sinuose che davano alla sua architettura un senso di trascendente ascesa, soprattutto nel suo terminal JFK del 1962 per le ormai defunte compagnie aeree TWA. Il suo tetto ad ali di gabbiano e gli interni estatici sono ancora elettrizzanti, ma il senso dell’architettura che prende il volo è un marchio di Saarinen, evidente in altri progetti come il suo design del 1947 per il magistrale Gateway Arch di St. Louis.

Richard Rogers – Quando il Centro Pompidou è stato aperto per la prima volta nel 1977, era considerato l’epitome di una tendenza all’epoca conosciuta diversamente come High Tech ed espressionismo strutturale. L’architetto britannico Richard Rogers fu uno dei principali sostenitori di questo stile. Questo edificio, progettato come l’istituzione centrale di Parigi per l’arte moderna e contemporanea, suggerisce una struttura che si rovescia, con i suoi sistemi di riscaldamento e idraulici consumati come la facciata, che presenta anche una scala mobile esterna con vetro che sale sull’altezza dell’edificio. Rogers ha adottato un approccio simile per un altro dei suoi edifici iconici, il quartier generale dei Lloyd’s di Londra.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi